Nei boschi con il GPS!!!

07.02.2020

Potrebbe sembrare l'introduzione di una Fiaba, ma il titolo di questo articolo rispecchia la classica domanda che mi viene rivolta, non solo dai topografi più giovani, ma molto spesso anche da quelli più esperti, ponendosi quindi come un interessante argomento di discussione.

La domanda è questa:

"Ma il tuo GPS prende sotto gli alberi?"

Qualche giorno fa, parlavo con un collega, e mi raccontava di aver contattato due venditori di strumenti topografici, di due note aziende del settore, e di avere eseguito delle prove, con i loro GPS, in una zona particolarmente alberata, diciamo piuttosto ... boschiva.

Il primo venditore si presenta alla prova con il suo bel GPS, vantandosi delle incredibili qualità del suo strumento, particolarmente performante anche sotto gli alberi, bla bla bla bla !!!

I risultati riscontrati, però, non sono dei migliori, lo strumento non riesce ad andare in Fixed ed i punti rilevati sotto gli alberi presentano, inevitabilmente, scarti molto alti.

Il secondo venditore si dimostra decisamente meno presuntuoso, elogia sempre il suo strumento come il migliore in assoluto, ma riconosce i limiti del GPS sotto gli alberi e si rifiuta di fare la prova.

Personalmente conosco entrambi i venditori e li rispetto come persone, così come rispetto le aziende che rappresentano ed i loro prodotti, perciò non mi esprimerò in merito.

Proverò semplicemente a rispondere, dal mio punto di vista, alla domanda oggetto di discussione.

Partiamo dal presupposto che affinchè il GPS (o meglio il Gnss) possa restituire un dato, è necessario che riceva il segnale dai satelliti, quindi dal cielo.

Quando si lavora fra gli alberi, accade che il segnale giunge al ricevitore con un disturbo, causato da molteplici fattori che, deviando il messaggio di ritorno, provocano degli errori nell'acquisizione dal dato.

Errori nell'ordine di 1, 2 o anche 3 metri possono essere accettati da chi fa GIS, dove la precisione al centimetro non è fondamentale.

Ma chi fa Topografia ha bisogno di una precisione al centimetro.

Può accadere che, in funzione di come sono allineati i satelliti, il segnale riesca a penetrare fra i rami ed a "Fissare", raggiungendo una discreta precisione.

Si certo, in questi casi le caratteristiche tecniche del ricevitore sono di grande aiuto, ma non può essere considerata una regola fissa.

Infatti, può accadere (ad esempio) che, lo stesso ricevitore, posizionato nello stesso punto, alle ore 10 riesce ad andare in Fixed, mentre un'ora più tardi restituisce errori più significativi.

E quindi?

E quindi la mia risposta è...Dipende!!!

La massima da seguire è che il GPS sotto gli alberi difficilmente prende in modo ottimale, e la marca del GPS non potrà fare miracoli in questi casi estremi, mentre l'unica cosa su cui dovrai fare affidamento sarà la tua esperienza e la tua capacità di dare ad ogni rilievo la giusta interpretazione, scegliendo lo strumento più adatto e la relativa tecnica di rilievo.

I ricevitori Gnss Ruide hanno tutte le caratteristiche per garantirti la massima affidabilità anche nelle zone più critiche, ma non fanno miracoli.

In base ai vari fattori, potrebbero Fissare, oppure no. Dipende!!!

Ma puoi sempre metterli alla prova e confrontarli con i big del settore.